italy_round_icon_64united_kingdom_round_icon_64

anfith
3:Condivisione, aree territoriali e gruppi di lavoro:


Aree tematiche

aree tematicheLe discussioni sono suddivise per aree tematiche. Ogni questione sollevata e ogni proposta presentata appartengono all’area tematica cui sono relative. Ogni assemblea  ha le proprie aree tematiche personalizzate. Queste non sono definitive: in ogni momento e solo su richiesta degli iscritti, esse possono essere create, modificate, disattivate. Visto che l’insieme delle aree tematiche può essere molto esteso, gli utenti hanno la possibilità di selezionare ed aggiungere aggiungere le aree tematiche che gli interessano di più: questo gli consente di tenere più facilmente d’occhio le discussioni che gli stanno più a cuore. In ogni caso l’utente può accedere anche a tutte le aree tematiche cui è abilitato e partecipare a tutte le discussioni che vi si svolgono. Esempi di aree tematiche dell’Assemblea regionale del Lazio:

 

  1. Sanità
  2. Politiche sociali
  3. Cultura
  4. Scuola
Unita territoriali e gruppi di lavoro (video)


welcome pageNella pagina iniziale vi troverete uno lo delle discussioni a cui vi siete associati e la possibilità di sgegliere tra due assemblee, pubblica e privata.

 

L’ assemblea pubblica, è il luogo dove vengono condivise le proposte a tutti i cittadini iscritti a Parelon, l’ assemblea privata è il luogo dove si discute di questioni realtive al tuo gruppo politico, territoriale, o tavolo di lavoro.

Non necessariamente le proposte scaturite dall’ area privata devono essere condivise con quella pubblica, ma possono essere presentate come proposte di quel partito, grupp o tavolo di lavoro.

Le assemblee sono il luogo in cui vengono ospitate e gestite tutte le discussioni. Esse sono costituite dalle aree territoriali o organizzazioni relative all’utente.

Una novità riguarda proprio l’utilizzo di Parelon, che non si limita all’ambito politico, qualsiasi organizzazione può utilizzare Parelon per sviluppare discussioni e prendere decisioni in merito a questioni di interesse pubblico o privato. Tutti i partecipanti possono contribuire attivamente al processo decisionale: dalle discussioni vincolanti a quelle consultive.

Un assemblea può essere:

  1. un partito politico;
  2. un’associazione;
  3. un’azienda privata.

Le unità territoriali cui si riferisce possono essere le più varie: una nazione, una regione, una provincia, un comune, un municipio o quartiere…anche un condominio!

Le questioni(video)


questioneOgni utente può sollevare una nuova questione in qualsiasi momento. Le discussioni sono definite da due parti: un problema o un’esigenza e una o più soluzioni a quel problema. La questione esprime la prima parte, il problema o l’esigenza che l’utente segnala per sottoporlo all’ attenzione dell’ assemblea.
Sollevare una questione è un momento sociale importante, in quanto per poter avviare la fase di discussione delle proposte di soluzione della questione, dobbiamo necessariamente divulgare , promuovere e raccogliere le adesioni degli altri utenti dell’assemblea.

Sostenere una questione non vuol dire condividerla né condividere le soluzioni proposte per essa: vuol dire solo essere d’accordo sul ritenere che valga la pena discutere la questione. Nulla di più.

Se non si raggiunge un supporto minimo per la questione, essa non viene discussa semplicemente perché non ci sono abbastanza utenti che condividano la necessità di discuterne.
Questo sistema garantisce che arrivino in discussione solo le questioni più interessanti mentre lascia ignorare quelle che lo sono meno.

Le Proposte (video)


propostaL’insieme delle proposte è la seconda parte della struttura di una discussione, cioé l’insieme delle soluzioni ad una data questione.

Ogni utente può presentare la propria proposta.Essa può essere estesa o modificata dal promotore in qualsiasi momento, ad esempio per specificarne meglio alcune parti o per accettare alcune dei suggerimenti segnalati dagli altri utenti durante la fase di feedback.

Ogni utente può proporre emendamenti alla proposta o presentare una proposta alternativa.

Una proposta può essere votata solo se ha ricevuto un sostegno sufficiente, altrimenti viene scartata. Come per il caso delle questioni sollevate dagli utenti, questo meccanismo consente agli utenti di concentrarsi sulle proposte serie e ignorare quelle che non lo sono, ad esempio quelle meramente ostruzionistiche o quelle inserite dai troll. Il risultato è aumentare la qualità della discussione democratica e della partecipazione, anche se a qualche utente potrebbe dare l’impressione contraria a primo impatto.

Per questo è neccessario attivarsi con tutti i canali disponibili sia in rete che sul territorio per poter divulgare e trovare sostenitori a una data  proposta. Tutte quelle che raggiungono il  numero di sostenitori vengono presentate nella fase di votazione.

Anche in questo caso, sostenere una proposta non vuol dire condividere la proposta: vuol dire solo riconoscere la serietà della proposta e sostenere che sia il caso di votarla. Sostenere una proposta e votare a favore della sua adozione sono due cose diverse!

Il sostegno e la condivisione in rete

sostenitoriCi sono due tipi di sostegno che un utente può dare alla proposta: sostegno e interessamento. L’interessamento non è relativo alle proposte ma alle questioni. In altri termini gli utenti si possono interessare a un problema senza sostenere che sia abbastanza importante da discuterne. L’interessamento può essere esplicito, con l’utente che esplicitamente si interessa ad una questione cliccando sull’apposito pulsante, o implicito: quando una questione viene sollevata in una data area tematica tutti gli utenti che hanno inserito quell’area tematica tra le proprie preferite sono considerate interessate alla questione, essendo considerate interessate, appunto, a tutte le questioni sollevate in quell’area tematica. Se un utente non volesse essere considerato interessato a una data questione, può ritirare il proprio interessamento in ogni istante della discussione e dell’ammissione. Gli interessati alla questione vengono anche detti sostenitori potenziali. Il sostengo si riferisce invece a una data proposta. A dirreferenza dell’interessamento,  il sostegno ad una proposta deve essere esplicito, cliccando sul pulsante apposito. Tutte queste azioni (di sostegno, deve, non dovrebbe, ecc…) hanno ovviamente un impatto sull’ esito finale della votazione, e sulla proposta stessa, perché vengono calcolate dal sistema come punti a favore/sfavore della condivisione già a livello di base di partenza della proposta.

tutor

Usare  Parelon:

Brevi e pratici tutorial per usare e partecipare al gioco della democrazia diretta.